Come noto, per fronteggiare le conseguenze economiche / finanziarie determinate dal protrarsi dell’emergenza COVID-19, sono state introdotte specifiche misure di sostegno per famiglie / lavoratori / imprese.

Tra gli interventi adottati nel DL n. 34/2020, c.d. “Decreto Rilancio”, il Legislatore:

  • con l’art. 120, ha introdotto un credito d’imposta in relazione alle spese per l’adeguamento degli ambienti di lavoro alle misure necessarie al contenimento / prevenzione del contagio COVID-19;
  • con l’art. 125, ha previsto un ulteriore credito d’imposta riferito alle spese sostenute per:
  • la sanificazione dei luoghi di lavoro;
  • acquisto di dispositivi di protezione (DPI) per la tutela della salute dei lavoratori e degli utenti.

Recentemente, con la Circolare 10.7.2020, n. 20/E, l’Agenzia delle Entrate ha fornito una serie di interessanti chiarimenti in merito ai predetti crediti d’imposta.

In particolare, oltre a delineare più precisamente l’ambito soggettivo, l’Agenzia ha esaminato:

  • le spese agevolabili;
  • le modalità / termini di utilizzo dei citati crediti d’imposta;
  • le opzioni di utilizzo delle medesime agevolazioni.

COPYRIGHT 2019 – STUDIO ASSOCIATO PELLONE – PIVA 07367761215