Come noto si ricorda che per le autovetture di grossa cilindrata, aventi cioè potenza superiore a 185 KW, è ancora attualmente previsto dal Legislatore  il pagamento del superbollo, ossia di un’addizionale erariale relativa alla tassa automobilistica (nota come bollo auto) introdotto dal Governo Monti con l’articolo 6 della Legge n. 214 del 23/12/2011, che ha disposto un aumento del bollo auto per le autovetture definite di lusso e per gli autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose. A decorrere dall’anno 2012 l’addizionale erariale della tassa automobilistica è fissata in € 20,00 per ogni KW di potenza del veicolo superiore a 185 KW.

Tale importo, però, diminuisce all’aumentare dell’anzianità dell’auto. Trattandosi di una addizionale, vuol dire che il suo pagamento è dovuto in aggiunta al pagamento del bollo auto ogni qual volta il veicolo superi i 185 KW di potenza. Tuttavia, mentre il bollo auto è un’imposta che confluisce nelle casse delle Regioni, il superbollo è un’imposta erariale, che finisce nelle casse dello Stato.

COPYRIGHT 2019 – STUDIO ASSOCIATO PELLONE – PIVA 07367761215